Stiamo caricando

Trascendi e sali

Teatro Ermanno Fabbri

A proposito di questo spettacolo

Certamente quando Alessandro Bergonzoni scrive, allestisce e interpreta il suo quindicesimo testo, la domanda che nasce spontanea non può che essere: “Dove ci porterà stavolta la sua personalissima, esilarante e poetica scrittura?” Sicuramente in una zona artistica dove “sicuramente” perde in definizione e in significato, dove l’artista prova a esibirsi negandosi, anzi, celandosi nei vuoti e nelle ombre, non solo quelle materiali e visibili, ma anche quelle creati sciamanicamente dalla sua scrittura. E cercare di raccontare o descrivere questo delicatissimo movimento creativo può essere ardua impresa, forse impossibile: solo e solamente lui può guidare il suo pubblico verso una meta insolita che – a guardar bene – può essere proprio la realtà. O meglio quella realtà che solo gli artisti possono definire e modificare grazie alla loro immaginazione, al loro genio, alla loro ispirazione. Nel caso di Bergonzoni, spalancando orizzonti del tutto sorprendenti.

Dati artistici

di e con Alessandro Bergonzoni
regia Alessandro Bergonzoni e Riccardo Rodolfi
scene Alessandro Bergonzoni
ufficio Stampa Licia Morandi
assistenza impianti tecnici Tema Service
produzione Allibito srl
distribuzione e organizzazione Progetti Dadaumpa srl

Ancora più Teatro?

Questo spettacolo è parte dei seguenti abbonamenti:

Fabbri 11 Prosa 8

Se ti piace Trascendi e sali ti suggeriamo anche:

26/03/2019
Teatro Ermanno Fabbri
Un classico del teatro moderno, capace di parlare con linguaggio attuale a tutte le generazioni
02/04/2019
Teatro Ermanno Fabbri
Evoluzione e stasi, giovinezza e vecchiaia, ribellione e orgoglio. Un epistolario padre-figlia
04/12/2018
Teatro Ermanno Fabbri
Una rilettura da Brecht: una favola di metafore potente, visionaria e necessaria

True Copy

Horror Vacui #5
dal 07/03/2019
al 08/03/2019
Teatro Ermanno Fabbri
Nell'ambito di VIE Festival. Un viaggio nel mondo della contraffazione d'arte che vi sorprenderà
01/03/2019
Teatro Ermanno Fabbri
Il nuovo, imprevedibile, pindarico, ardito monologo di Alessandro Bergonzoni