Stiamo caricando

Il grigio

Teatro Ermanno Fabbri

A proposito di questo spettacolo

Presentato per la prima volta nel 1988, Il grigio è il più importante lavoro in prosa di Giorgio Gaber e Sandro Luporini. Il grigio è la storia di un uomo che si ritira in campagna per stare tranquillo, afflitto più da problemi personali che sociali. La sua desiderata solitudine è però disturbata da un piccolo animale: un topo.

Il topo, che sarebbe poi “Il Grigio”, diventa l’elemento scatenante dei suoi incubi e di un inesorabile quanto ironico flusso di coscienza.

La lotta contro l’occulto roditore, l’estenuante caccia al topo provoca nell’uomo un risveglio dall’anestesia del presente che lo porterà pian piano a compiere un percorso verso l’accettazione di quel lato oscuro che ciascuno di noi ha dentro, in un crescendo drammatico dal finale imprevedibile. In questo racconto un po’ delirante e un po’ reale, il topo forse esiste o forse no, e la sua tanto agognata fine diventa un rito, un esorcismo per uscire dalla metafora infernale e accettare la propria parte nera: l’altro.


Note:
“Per me, nell’88, il Grigio, dal punto di vista dello spettatore e del giovane regista di allora, fu una esperienza intensissima, fondamentale. Quel mix geniale di astrazione e immedesimazione, quel raccontare teatralissimo e senza didascalismi fu una rivelazione. Così, leggendo all’infinito quel copione negli anni successivi ho sempre pensato al Grigio come ad un “oggetto” teatrale perfetto e immodificabile. Poi… è arrivata la decisione / occasione di metterlo in scena… e le canzoni hanno cominciato ad attirarmi come il canto delle sirene. Mi sono convinto – piano piano ma con sempre maggiore “lucidità” – che i temi, i quadri, i sentimenti, le situazioni presenti nel Grigio del 1988 fossero poi stati rielaborati, perfezionati, e perché no, anche attualizzati da molte canzoni nate dopo quella esperienza. Scrivendo una infinita storia di un signor G in continua crescita e trasformazione, nel privato e nel sociale, Gaber e Luporini hanno continuato a macinare, indulgenti o spietati, sulle contraddizioni dell’essere umano. E il “dopo Grigio” è un contenitore ricchissimo di spunti e illuminazioni, in forma di canzone, che si sovrappongono e amplificano i temi del copione di allora. Ecco il senso di questo adattamento, che mi pare insieme spudorato e “inevitabile”. In più c’è Elio, cantante personalissimo, eretico, eccentrico, che tra le note e le parole di Gaber è di casa, e che si accinge ad abitare con libertà e rispetto questo nuovo copione, interamente gaberiano, ma modellato da una nuova sensibilità e alla luce dell’intero universo creativo e stilistico di una maschera, il Signor G, che sa e può ancora parlare potentemente e spietatamente al nostro oggi”.

Giorgio Gallione

Acquista a partire da 15,68

Dati artistici

di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
drammaturgia e regia Giorgio Gallione
con Elio
arrangiamenti musicali Paolo Silvestri
scene e costumi Guido Fiorato
luci Aldo Mantovani
produzione Teatro Nazionale di Genova
Acquista a partire da 15,68

Se ti piace Il grigio ti suggeriamo anche:

Earthbound

ovvero le storie delle Camille
01/03/2022
Teatro Ermanno Fabbri
Uno spettacolo di fantascienza di Marta Cuscunà: una colonia di individui migra in aree danneggiate dall'uomo, per risanarle grazie alla collaborazione con partner non-umani.
Acquista
a partire da 17,92
16/01/2022
Altri spazi
presso Teatro Storchi - Modena
01/02/2022
Teatro Ermanno Fabbri
Una rilettura del classico di Euripide per raccontare l’epopea degli sconfitti troiani. Uno spettacolo che va al cuore dei grandi temi per riflettere insieme sul nostro presente.
Acquista
a partire da 17,92
05/04/2022
Teatro Ermanno Fabbri
Valerio Binasco mette in scena Le sedie di Eugène Ionesco, un classico che ancora oggi demolisce tutte le convenzioni su cui si basa la nostra quotidianità.
Acquista
a partire da 17,92
16/11/2021
Teatro Ermanno Fabbri
Acquista
a partire da 15,68